Torna alla home page
------ Contatta altri italiani in UK! Scopri chi vive vicino a te, scambia messaggi e crea il tuo network!
------------------ Buy Italian Products - Where to buy Italian products
---------------------------------------------------------- Find or Advertise a Job
------------------------------------------------------------------------- Zona annunci: stanze, mercatino, servizi
-------------------------------------------------------------------------------------------- La Tua Guida per vivere bene a Londra
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- I blog degli italiani che vivono in UK
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Italianialondra.com nei Media
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ Contact Us for Advertising or other information
Ah, Italians! Come ci vedono l'Europa e gli inglesi?


Gli stereotipi, si sa, sono in agguato ovunque, talora persino in chi è contrario agli stessi ma magari tende a ripeterlo così meccanicamente da fare del suo pensiero un “conformismo dell’anticonformismo”; quasi impossibile fuggire da questi “fenomeni culturali” che vengono diffusi attraverso i media, i discorsi politici, l’istruzione, la storia e le barzellette.

Per il Progetto Europa (link), recentemente sei famosi quotidiani europei The Guardian, Le Monde, La Stampa, Suddeutsche Zeitung, Gaceta Wyborcza , El Pais, hanno chiesto a 6 giornalisti ed a 6 vignettisti, dei loro staff di individuare gli stereotipi del proprio paese, per poi sfatare lo “stereòs”, traduzione greca di “fermo, solido”, ma già l’etimo proclama l'arduo compito.

L'Europa ha etichettato l'Italia come popolo di: evasori di tasse, Latin Lovers - Berlusconi style, mammoni e incapaci di coraggio.

L'ultimo appellativo e' sulla scia della recente cronaca di cui si è parlato con molto clamore nei giorni del naufragio della Costa all'isola del Giglio. Il giornalista dello Spiegel, Jan Fleischhauer, si domandava se un capitano inglese o tedesco avrebbe mai abbandonato una nave, come ha fatto Schettino.

La nostra difesa al progetto europeo e' ben rappresentata dal commento finale del nostro giornalista, Massimo Gramellini: "Il nostro peggior difetto, lo avrete intuito leggendo questo articolo, è il compiacimento. Nessuno parla male del proprio Paese come noi, ma solo perché ci consideriamo talmente fortunati a essere nati qui che possiamo permetterci qualsiasi lusso: anche di sputare su quella fortuna."

Nel mio piccolo, da giornalista italiana a Londra, ho provato ad indagare cosa pensano, nello specifico, gli inglesi degli italiani.
Impossibile ovviamente stilare una vera statistica ma attraverso delle interviste ad alcuni amici, conoscenti e sconosciuti inglesi ho raccolto i miei dati. Umori, impressioni, stereotipi o verita', quale abito ci hanno cucito addosso gli inglesi?

Sulla falsariga di una serie di sondaggi del sociologo e saggista Renato Mannheimer, sui difetti e le virtu' degli italiani percepiti dagli stessi italiani, ho stilato le domande per gli anglosassoni.

Quali sono i principali pregi e difetti degli italiani?
Per te quale simbolo rappresenta meglio l'Italia?
Per te cosa tiene piu' uniti gli italiani?

Ma prima, per confronto, sveliamo i risultati ufficiali di Mannheimer sulla nostra autoanalisi: per gli italiani il loro maggior difetto è il fatto di essere mammoni (16%), segue l'essere maleducati (12%), imbroglioni (10%) e fannulloni (7%).

Per quanto riguarda invece i pregi sul podio c'è l'allegria (20%) a pari merito con la generosita' (20%). Seguono la simpatia (18%), l'ospitalita' (17%), la creativita' (13%) e la furbizia (9%). Gli italiani sostengono poi che la cosa che ci tiene piu' uniti è la famiglia (20%), seguono patria e patriottismo (9%), per fortuna, calcio e sport solo (5%) e a pari merito al 4% amore e amicizia, bandiera e cultura.

Il simbolo che rappresenta meglio l'Italia, secondo gli italiani, è la cucina (18%), a pari merito con i grandi monumenti. Seguono le opere d'arte e le citta' d'arte (16%) e la moda e l'architettura (8%).

Ma veniamo alle mie interviste.
I nostri punti di forza: gli inglesi ci trovano cordiali e accoglienti, con valori familiari forti, passionali, in generale belli esteticamente, romantici, culturalmente ricchi.
Punti dedoli: ci osannano a furor di popolo come troppo orgogliosi, ma anche arroganti, vanitosi e osessionati con le apparenze esterne.

Una donna inglese, che ha vissuto diversi anni nel nord Italia, parla anche di xenofobia degli italiani settentrionali verso gli italiani del sud e stranieri, ma precisa "questo non è da confondere con il razzismo, non mi sento che gli italiani non amano le persone a causa del colore della loro pelle. Hanno solo antipatia per certi gruppi regionali ed etnici". Un'altro commento fuori dalle righe, ma di diverso peso, viene da un uomo che ascrive come difetto italiano, le ascelle pelose (n.d.r non depilate, casomai) di alcune donne italiane.
Sul simbolo che rappresenta meglio l'Italia e' uscito il peggio degli stereotipi, le risposte piu' deludenti: pizza e Berlusconi (citato nella sua accezione negativa, come metafora di corruzione).

Alla domanda su cosa tiene piu' uniti gli italiani, rispondono: l'onestà, amore, religione, cibo, fedeltà, legami familiari,consapevolezza culturale.
Tutto sommato "i miei inglesi" non ci hanno rinchiuso nel piu' classico stereotipo "pizza, mandolino e mafia", il quale mi fa solo sorridere e reclamare un pizzico di maggiore originalità critica. Invece e' quando si passa a valutazioni morali (sovente moralistiche) dei nostri ruoli sociali che c'e' poco da ridere. Un conto e' stigmatizzare bonariamente un popolo, un conto pretendere di crocifiggerlo sul piano etico. Gli stereotipi sfavorevoli sui gruppi nazionali o etnici sono potenzialmente molto pericolosi e formano le basi di pregiudizi, discriminazioni, persecuzioni e persino genocidi.

Ma noi italiani che viviamo in Gran Bretagna come siamo? Abbiamo mantenuto i tratti stereotipici dell'italiano medio o ci siamo conformati agli usi, costumi, e vizi del popolo ospitante?
Per capirlo meglio, forse, dovremo fare anche una disamina degli stereotipi degli anglosassoni.

Gabriella Iafelice
16/03/2012 17:29:00










Commenti in ordine cronologico - | visualizza in ordine di voto


InForum advert





Voti
9
Whens your dolmio day hehe classic advert

by tron il 01/04/2012 alle 08:33 - Il tuo voto: [+] positivo [-] negativo



Voti
4
bell articolo e anche i commenti. Ma resto sempre un pò perplesso dal fatto che nonostante i tanti lati negativi che un po tutti hanno accennato, questo popolo è riuscito a conquistarsi un posto dominante nel mondo. Con questo nn voglio fare il tifo per i Britannici ma di certo dal punto di vista socio/politico, loro ti consentono di fare cose che noi italiani non siamo in grado di fare per esempio prendere cittadinanza relativamente velocemente, o avere accesso al credito, o essere messi in regola sul posto di lavoro dal giorno numero 1, o prendere paghe relativamente in linea all inflazione. Tutto ciò è sempre stata una piaga anche prima della crisi. Insomma anche puzzolenti o maleducati, sti britannici, che faccian finta di amarsi o meno, non so, ma noi italiani puliti e ben vestiti e con tanto talento facciamo ancora la guerra ai fantasmi.
La storia è lunga.

by cash4sellers il 02/04/2012 alle 20:53 - Il tuo voto: [+] positivo [-] negativo
I commenti che hanno totalizzato un numero maggiore di 6 voti negativi non sono visualizzati



Vuoi dire la tua?
Per inserire un commento devi essere un utente registrato.
Registrati in soli 2 minuti!

Tutte le news

Face to Facebook -- Film italiani al Raindance Film Festival -- Elezioni europee: comunicato del Consolato -- Perchè trasferirsi a Londra? Le motivazioni di ieri e di oggi -- I numeri dell'emigrazione italiana nel Regno Unito -- Partecipa al sondaggio del Censis -- La Poesia di Vinicio Capossela -- Intervista a Marco Guazzone -- EMERGENCY UK Event: In Your Shoes -- Elezioni Politiche del 2013 -- Apre gustofooditalia.co.uk, il nuovo online shop di prodotti italiani -- Lavorare nella ristorazione a Londra - Intervista a Giovanni -- Lavorare nella ristorazione a Londra - Intervista a Andrea Antonio -- Lavorare nella ristorazione a Londra - Intervista a Gennaro -- Film gratuiti all'aperto al The Scoop -- Puglia Sounds in London -- Di corsa da Londra a Cambridge -- La migliore destinazione al mondo? Londra! -- Filumena al teatro Almeida di Londra -- Da Londra alla Sierra Leone -- Da Perugia, poesie reggae di William Blake al Wilton's -- Ah, Italians! Come ci vedono l'Europa e gli inglesi? -- E' tempo di Brit Awards -- I fuochi di capodanno sul Tamigi -- Dove pattinare sul ghiaccio a Natale -- Collezioni Italiane alla London Library -- Erotica 2011 -- The kicking boot -- L'inglese sgrammaticato delle ferrovie italiane -- BFI London Film Festival -- Blog: The British Cuisine -- National Graduate Recruitment Exhibitions -- Anche a Londra si può firmare per il referendum -- Le vostre lettere:
Italia addio, è ora di partire
-- Greenwich and Docklands International Festival 2011 -- Marco Travaglio alla London Metropolitan University -- Parliamo di soldi a Londra -- Obama in visita a Londra dal 24 al 26 maggio -- I gadgets (assurdi) del Royal Wedding -- William e Kate, informazioni per ammirarli dal vivo -- Tutti i numeri del matrimonio reale -- William e Kate, il matrimonio del secolo -- Referendum 12-13 giugno 2011 -- La Maratona di Londra, una delle grandi sfide della vita. -- Cosa resterà di questi 150 anni? -- La mafia vista da Londra -- Travaglio e Padellaro alla London School of Economics -- Italia chiama Londra: LiberaTerra, contrasto alle mafie -- Londra, città gay friendly? -- Vittorio Tolomeo al Water Rats -- Speciale Bafta 2011: incoronato The King's Speech --





Altre storie


Questa pagina è stata letta 1575 volte